Gestione dei rischi durante il carico/scarico dei container

Si stima che circa 21 milioni di container marittimi stiano attualmente spostando merci da un punto all’altro, con oltre 500 milioni di spedizioni di container sfusi ogni anno. Ciò pone sfide alla salute e allo scarico dei container; sicurezza in quanto la maggior parte dei container sfusi viene caricata e scaricata manualmente. Ciò di cui abbiamo bisogno è un modo efficiente ed economico per gestire i rischi per la salute e la sicurezza durante l’imballaggio e il disimballaggio dei containers

Sicurezza durante lo scarico dei container

Con la rapida ascesa del commercio online e internazionale è arrivato un altro drammatico aumento -. l’uso di container intermodali, o di spedizione. Queste grandi strutture metalliche sono progettate e costruite per spostare merci attraverso diverse modalità di trasporto, consentendo ai container di passare dalla nave al treno merci fino al camion senza scaricare e ricaricare il carico che contengono. I container consentono alle aziende di immagazzinare e trasportare materiali e prodotti in modo efficiente e sicuro e sono parte integrante del commercio moderno. Ci sono circa 21 milioni di container marittimi che attualmente spostano merci da un punto all’altro, con oltre 500 milioni di spedizioni di container sfusi spediti ogni anno, trasportando il 95% del carico mondiale. Un moderno miracolo logistico. Questa soluzione pone sfide alla salute del carico e allo scarico dei container e sicurezza, comunque.

Modello unico (salvo alcune eccezioni)

I moderni container da 40 piedi sono realizzati per resistere allo stress della spedizione intermodale e forniscono un mezzo per raggruppare un mix di merci e pacchi di peso, dimensioni e forma diversi in carichi che si impacchettano saldamente in una nave. La maggior parte delle aziende non possiede i propri container, ma li affitta, il che significa che hanno poca possibilità di modificarli. Questo naturalmente aiuta la standardizzazione, ma rappresenta un costo. Sebbene i container stessi siano disponibili in alcune configurazioni standard, il carico che trasportano non è sempre così uniforme. I carichi contenenti colli di varie dimensioni e forma richiedono elevate esigenze di flessibilità. Inoltre, la pallettizzazione delle merci all’interno di un container rende impossibile utilizzare l’intero spazio del container, poiché la larghezza del container può contenere solo 2 ½ pallet e comporta che la grande maggioranza dei container sfusi venga caricata e scaricata manualmente.

Container carico di pacchi di varie dimensioni

Per necessità, i containers sono spesso posizionati su terreni in pendenza o irregolari, e gli ambienti in cui sono collocati sono spesso non adeguatamente illuminati, il che rende difficile l’imballaggio o il disimballaggio in sicurezza del contenuto. Inoltre, le merci nei containers potrebbero muoversi durante il trasporto o magari rischiare di non essere stati imballati per permettere un facile disimballaggio. Gli operatori rischiano di essere colpiti da oggetti non fissati o da carichi in caduta. Il carico che rischia di muoversi durante il trasporto può facilmente spostarsi o cadere, forzando l’apertura delle porte o cadendo sugli operatori al momento dell’apertura. L’elenco continua. Inoltre, di solito c’è una finestra temporale molto stretta durante la quale lo scarico deve essere completato, aggiungendo fretta all’elenco dei possibili fattori pericolosi. Tutti questi elementi pongono sfide specifiche al processo di carico e scarico, sfide che possono avere un impatto drammatico sulla tua attività.

II pericoli più comuni durante l’imballaggio/disimballaggio dei containers:

  • Lesioni da attività manuali pericolose
  • Lesioni da sforzo ripetitivo
  • Lesioni da scivolamenti, inciampi e cadute
  • Dipendenti colpiti da oggetti che cadono
  • Lesioni dovute all’uso di attrezzature errate o inadatte
  • Lesioni da contatto con materiali pericolosi
  • Cadute dall’alto
  • Stanchezza fisica
  • Disordini muscolo-scheletrici

Sostenibile può significare molte cose

Siamo abituati a pensare alla “sostenibilità” in termini di impatto sull’ambiente globale. E mentre quell’aspetto della sostenibilità è senza dubbio cruciale, c’è un altro problema di sostenibilità che colpisce le tue attività nella gestione dei containers. Le cattive condizioni di lavoro attualmente in vigore nella maggior parte dei siti di container portano a una bassa fidelizzazione dei dipendenti, difficoltà di assunzione e la necessità di assumere manodopera meno costosa e meno qualificata, spesso proveniente da paesi meno sviluppati. A lungo termine, nessuno di questi è un modello di business sostenibile e presenta barriere sia alla crescita che alla redditività.

Mentre le aziende che si occupano di carico e scarico dei container, dalle aziende di spedizione e trasporto merci ai magazzini e ai porti, hanno lottato per ridurre i rischi e gli infortuni, i sistemi utilizzati per imballare o disimballare i container sono spesso pericolosi o difettosi. La natura stessa della movimentazione di colli di varie dimensioni e forma richiede flessibilità e rende difficile o costoso l’introduzione di soluzioni automatiche. Anche il più piccolo degli inconvenienti, dalla scelta di cinghie, catene o fermi non idonei o dall’utilizzo scorretto, all’utilizzo di muletti o altri sollevatori con progettazione impropria, ha un impatto negativo sul tempo di scarico, sulla sicurezza del personale e sui margini operative.

Cosa significa per te

Gli articoli imballati in containers variano in modo significativo, da piccoli a grandi, da pesanti a leggeri, da facilmente maneggiabili a scomodi e ingombranti. Il carico e lo scarico di questo carico non standardizzato richiede lo svolgimento di attività manuali ripetitive che comportano il sollevamento di oggetti pesanti o ingombranti in situazioni e ambienti che richiedono ai lavoratori di sollevare in posizioni pericolose o scomode. I rischi legati al carico e allo scarico dei container variano da un container all’altro.

Magazziniere che solleva una scatola di cartone

Come per qualsiasi carico, scarico o movimento di merci, il sollevamento e lo spostamento manuali possono, anche se eseguiti correttamente, comportare rischi per i dipendenti. Il disimballaggio manuale delle merci può causare lesioni muscoloscheletriche causate da azioni ripetitive o dal lavoro con merci sopra l’altezza delle spalle o sotto il livello del ginocchio. Inoltre, gli operatori che disimballano i contenitori possono essere colpiti dalla caduta di merci, in particolare se le merci si sono spostate durante il trasporto o se queste si sono rovesciate dal contenitore quando è stato aperto per la prima volta. Le lesioni comuni associate all’imballaggio e al disimballaggio dei container di spedizione includono distorsioni, stiramenti, abrasioni, fratture e altre lesioni correlate al sollevamento. Nella migliore delle ipotesi, queste lesioni possono causare gravi danni organizzativi o economici, nel peggiore dei casi, l’incapacità o addirittura la morte.

Quanto costa una spalla slogata?

La semplice verità è che i lavoratori sono a rischio quando disimballano oggetti pesanti, scomodi e non protetti. I sistemi utilizzati per disimballare i contenitori spesso includono la movimentazione manuale delle merci e comportano sollevamento di carichi pesanti, posture scomode e movimenti ripetitivi.

Che si tratti di danni al carico stesso o ai lavoratori che lo gestiscono, il sollevamento manuale può comportare un duro colpo economico per le tue operazioni. Prodotti non idonei alla consegna, assenza della tua forza lavoro a causa di infortunio, stress o malattia, incapacità di pianificare adeguatamente le tue risorse: tutto può avere un impatto sui tuoi profitti. Le lesioni da stress ripetitivo sono responsabili di una grande percentuale di assenza dei lavoratori e le rigorose esigenze fisiche del lavoro in container rendono difficile trovare dipendenti qualificati.

 Camion che scaricano container alla banchina di carico del magazzino

Se a questi ostacoli si aggiungono le numerose restrizioni/responsabilità legali in atto, la sfida del personale addetto alla pianificazione e alla programmazione quando non si sa cosa contiene un container specifico, il tutto cercando di mantenere il ritmo e la produttività del processo di carico o scarico, la sfida diventa più che evidente . E qualsiasi interferenza al processo di carico o scarico può significare che si è in ritardo nella consegna o addirittura non si ha nulla da consegnare. Il che porta a clienti insoddisfatti e entrate ridotte. Consegne in ritardo o addirittura mancate, lesioni o assenze dei dipendenti, merci danneggiate, aumento del turnover della forza lavoro: tutti influiscono sul ROI e rappresentano una minaccia per la tua attività.

Uno scorcio positivo

È improbabile che il numero e l’uso dei container diminuiscano: le richieste di procedure di carico e scarico più sicure, tuttavia, sono in costante aumento. Il lato positivo è che il miglioramento delle condizioni di lavoro porta a una maggiore motivazione dei dipendenti, il che significa minori livelli di congedo per malattia o assenza a causa di infortunio, dipendenti più soddisfatti e maggiore fidelizzazione dei dipendenti.

Insieme, questi miglioramenti mantengono o addirittura migliorano la produttività e semplificano la pianificazione delle risorse e l’adeguamento dei processi per adattarsi ai cambiamenti nelle merci in entrata e alla situazione lavorativa quotidiana. Inoltre, quando crei un posto di lavoro più sicuro, lo si rende più sicuro anche per le merci e il carico che si sta movimentando. Meno rotture, meno scadenze mancate, clienti più felici. Sapendo tutto questo, cosa si dovrebbe fare?

Abbiamo bisogno di un modo per caricare e scaricare in sicurezza i container che:

  • Rimuova o riduca il lavoro manuale ripetitivo
  • Crei sicurezza ed efficienza del flusso di lavoro
  • Limiti i danni al carico del container
  • Riduca i costi e aumenti la produttività
  • Migliori la pianificazione
  • Migliori la fidelizzazione dei dipendenti
  • Sia conforme alle norme di sicurezza
  • Aumenti la flessibilità e la qualità della forza lavoro

Il problema è chiaro – quale la soluzione?

Attualmente sono disponibili pochissimi ausili di sollevamento e le condizioni di stress fisico (che comportano sollevamento, piegatura e torsione) coinvolte nel carico e nello scarico dei container portano a lesioni e a un aumento delle assenze per malattia. Ciò che serve è un modo efficiente ed economico per gestire i rischi per la salute e la sicurezza durante l’imballaggio e il disimballaggio dei container, sia che siano trasportati via terra o via mare, dall’imballaggio all’apertura delle porte del container e alla rimozione e trasporto degli articoli alla destinazione finale.

La ricerca di un metodo più ergonomico per lo scarico dei container è iniziata. Le aziende hanno preso coscienza del fatto che per garantire un funzionamento sicuro e redditizio, ogni possibile pericolo deve essere eliminato o minimizzato al fine di salvaguardare la salute e la sicurezza dei lavoratori. Le irregolarità e le sfide dei carichi di container, tuttavia, hanno reso difficili questi sforzi

Sono stati applicati alcuni rimedi di buon senso, che vanno dal prestare particolare attenzione durante la movimentazione o lo spostamento del contenuto del contenitore, al fissaggio di dispositivi di fissaggio per ridurre il numero di oggetti che cadono o per proteggere gli oggetti in caso di caduta. La natura caotica dei depositi di container, tuttavia, e la pressione dei tempi solitamente in atto complicano la situazione. Ciò che serve è un modo per sollevare e spostare il carico di container in modo sicuro che elimini il rischio di lesioni muscoloscheletriche, che possa affrontare un’ampia gamma di pesi, dimensioni e dimensioni e che possa rimuovere rapidamente parte dello stress fisico e del pericolo da questo settore in crescita. Ciò che serve è un modo migliore e più sicuro di caricare e scaricare i containers.

Cosa fa TAWI

Un luogo di lavoro sano e sicuro non nasce per caso o per congetture. Richiede analisi e pianificazione. Richiede che si comprendano non solo i rischi, ma le circostanze che li generano. E questo è ciò in cui siamo specializzati in TAWI. In TAWI, lavoriamo sempre su nuovi metodi e prodotti con cui controllare e ridurre al minimo i rischi. Lavoriamo a stretto contatto con i nostri clienti per trovare le migliori soluzioni ai loro problemi, consultando le parti interessate, gli ingegneri e altri esperti, nonché i lavoratori stessi, per creare i migliori prodotti possibili.

TAWI ha una lunga esperienza nell’aiutare le aziende di tutte le dimensioni e tipi a trovare modi più sicuri, produttivi ed efficienti per gestire e spostare i loro prodotti. Siamo esperti nello sviluppo di soluzioni facili ed economiche da implementare, che richiedono poca manutenzione, fornendo un rapido ROI e aiutando i nostri clienti a rimanere competitivi in mercati sempre più difficili. Siamo conosciuti per le nostre soluzioni flessibili e innovative in una ampia gamma o settori. Il nostro scaricatore telescopico offre carico e scarico efficienti in spazi ristretti.

Contenuto relativo

Workers moving boxes on pallet in logistics warehouse

Automatizzate la movimentazione dei materiali nella logistica inbound per superare la concorrenza

In tutto il mondo, le aziende si stanno preparando ad affrontare il boom dell’e-commerce favorito dalla pandemia di Covid. La catena di approvvigionamento è straripante come non mai di container e pallet colmi di colli grandi e piccoli contenenti qualunque cosa, da pneumatici ad attrezzi da palestra, da grandi elettrodomestici e dispositivi elettronici ad abiti, stivali in gomma o vini.

Maggiori informazioni

Hai bisogno di più informazioni? Contattaci qui

Per contattarci vi chiediamo di inviarci una mail a la.it.info@piab.com oppure di contattarci al 011 4143521

Contattateci

Vai